La chimica non mente

Il Chemical Color Imaging (CCI) rivela le proprietà chimiche dei materiali espandendo così gli utilizzi della visione artificiale.

Il Chemical Color Imaging è una nuova tecnologia di elaborazione, che combina i vantaggi delle tecnologie di imaging iperspettrale con l’elaborazione di immagini a colori, rendendo le proprietà chimiche dei materiali accessibili a una gamma completamente nuova di utenti e di applicazioni, attraverso nuovi approcci al trattamento dei dati.

Molti materiali, sia fabbricati che naturali, derivano le loro funzionalità dalla distribuzione spaziale dei componenti. Ad esempio, le formulazioni farmaceutiche a rilascio prolungato possono essere ottenute utilizzando un rivestimento che funge da strato barriera: il rilascio del principio attivo è controllato dalla presenza di questa barriera e le imperfezioni nel rivestimento, come le discontinuità, possono determinare alterazioni delle prestazioni. Nell’industria dei semiconduttori, irregolarità o contaminanti nei wafer di silicio o nei micro-circuiti stampati possono portare al fallimento di questi componenti. Anche la funzionalità dei sistemi biologici dipende dai gradienti chimici: una singola cellula, tessuto e persino interi organi funzionano a causa della disposizione molto specifica dei componenti. È stato dimostrato che anche piccoli cambiamenti nella composizione e nella distribuzione chimica possono essere un indicatore precoce di una malattia.

Qualsiasi materiale che dipende dai gradienti chimici per la funzionalità può essere vagliato con una tecnica analitica che accoppia la caratterizzazione spaziale con quella chimica. Per progettare e produrre in modo efficiente ed efficace tali materiali, è necessario misurare sia il “cosa” che il “dove”. La richiesta di questo tipo di analisi è in aumento man mano che i materiali fabbricati diventano più complessi: le tecniche di imaging chimico sono fondamentali per comprendere i prodotti moderni.

Le applicazioni che si possono implementare includono lo smistamento e la separazione dei rifiuti, il riciclaggio e lo smistamento delle materie plastiche, l’ispezione di alimenti e bevande, il controllo qualità dei medicinali, la verifica del packaging, il sorting di materiali di diverso tipo e molte altre.

 

,
Articolo precedente
White paper: Deep learning per l’automazione di fabbrica
Articolo successivo
Addestrare, non programmare
Menu